Mommy: un rapporto particolare

2014. Il venticinquenne Xavier Dolan è già al suo quinto lungometraggio e possiede ormai una padronanza del linguaggio filmico tale da permettergli di osare di più sotto certi aspetti stilistici e narrativi, rispetto, ad esempio, a un film misurato come Tom à la ferme (2013).

In Mommy, con il quale il regista e sceneggiatore franco-canadese si è aggiudicato il prix du jury al festival di Cannes, viene messo in scena il dramma di una madre vedova di nome Diane, interpretata da Anne Dorval (collaboratrice frequente di Dolan), che si ritrova a dover crescere da sola il figlio Steve (Antoine Olivier Pilon) dopo essere stata costretta a prendersene carico dal centro di cura al quale era stato affidato dopo la morte del padre. Steve, infatti, viene allontanato dal centro in seguito a un episodio violento, da lui causato, durante il quale un ragazzo è rimasto gravemente ustionato.

Continua a leggere